Telmo Pievani

Università di Padova

 

Svolge le proprie attività di ricerca nei campi dell’epistemologia delle scienze naturali, della storia del pensiero biologico e della filosofia della biologia, con particolare riguardo ai fondamenti della teoria dell’evoluzione. A questo proposito ha sviluppato nel tempo molteplici contatti internazionali e attualmente fa parte di network e gruppi di ricercatori, sia italiani sia internazionali, che si occupano di filosofia della biologia e di teoria dell’evoluzione. Dal 2008 collabora regolarmente con la rivista “Le scienze”.  È autore, tra molte altre pubblicazioni, di “Nati per credere”, Codice edizioni 2008, con V.Girotto e G.Vallortigara (ospite quest’ultimo dell’edizione 2013 de “la Via delle scienze”), “In difesa di Darwin”, Bompiani, Milano, 2007, “Creazione senza Dio”, Einaudi, Torino, 2006.


Ventidue anni di attesa e di reticenza. Dodici anni di rimaneggiamenti. “L’origine delle specie” di Darwin non fu soltanto un libro. Fu un romanzo di formazione, un travaglio teorico e umano, un cantiere aperto di idee e di ipotesi. La sua struttura argomentativa “alla rovescia” è peculiare e rivelatrice. Dalle sue pagine traspira la complessa logica della scoperta scientifica del naturalista inglese e il suo metodo misto, tra induttivismo e slanci ipotetico-deduttivi. In questo saggio il capolavoro darwiniano viene scomposto e ricomposto in un modo del tutto inedito, seguendo le sottili tracce delle revisioni apportate dall’autore alle sei edizioni successive dell’Opera, fino all’ultima del 1872. Un meticoloso lavoro di scavo storico e linguistico, con una sequenza analitica di citazioni tradotte ex novo dall’originale, che svela tutto il pluralismo teorico di Darwin, la sua attenzione verso le obiezioni degli avversari, la consapevolezza dei punti deboli, la forza delle evidenze e delle argomentazioni, e soprattutto le predizioni rischiose (alcune poi corroborate, altre smentite) che proiettarono la teoria dell’evoluzione nel futuro della ricerca biologica. Questo libro è al contempo una guida alla lettura e una proposta filosofica e storiografica, che permette di capire oggi il nocciolo teorico del neodarwinismo e l’agenda dei problemi ancora aperti in filosofia della biologia.

 

Alcune immagini della serata

Ancora una serata di grande interesse per il numeroso pubblico presente. Come consuetudine, presentiamo alcune foto riprese durante l’avvenimento.

Le slides della conferenza

Potete scaricare una versione pdf delle immagini e dei testi che sono stati proiettati durante l’incontro.

scarica

Letture per approfondire…

Anatomia di una rivoluzione. La logica della scoperta scientifica di Darwin

di Telmo Pievani

Mimesis, Milano 2013

Ventidue anni di attesa e di reticenza. Dodici anni di rimaneggiamenti. “L’origine delle specie” di Darwin non fu soltanto un libro. Fu un romanzo di formazione, un travaglio teorico e umano, un cantiere aperto di idee e di ipotesi. La sua struttura argomentativa “alla rovescia” è peculiare e rivelatrice. Dalle sue pagine traspira la complessa logica della scoperta scientifica del naturalista inglese e il suo metodo misto, tra induttivismo e slanci ipotetico-deduttivi. In questo saggio il capolavoro darwiniano viene scomposto e ricomposto in un modo del tutto inedito, seguendo le sottili tracce delle revisioni apportate dall’autore alle sei edizioni successive dell’Opera, fino all’ultima del 1872. Un meticoloso lavoro di scavo storico e linguistico, con una sequenza analitica di citazioni tradotte ex novo dall’originale, che svela tutto il pluralismo teorico di Darwin, la sua attenzione verso le obiezioni degli avversari, la consapevolezza dei punti deboli, la forza delle evidenze e delle argomentazioni, e soprattutto le predizioni rischiose (alcune poi corroborate, altre smentite) che proiettarono la teoria dell’evoluzione nel futuro della ricerca biologica. Questo libro è al contempo una guida alla lettura e una proposta filosofica e storiografica, che permette di capire oggi il nocciolo teorico del neodarwinismo e l’agenda dei problemi ancora aperti in filosofia della biologia.